logo


Dopo tre anni di occupazione Isis con clandestinità e stazioni «pirata», riaprono i negozi di dischi, i tassisti accendono la radio e il violino di Ameen ritorna a suonare[...]
Mentre il cimitero più antico del mondo a Najaf seppellisce 100 combattenti sciiti al giorno, 62mila sfollati sunniti restano senza aiuti. E se Fallujah è quasi libera, lo Stato Is[...]
Un nuovo documentario della regista anglo-irachena Hoda Yahya Elsoudani affronta il tema della divisione tra Sunniti e Sciiti dal punto di vista di due giovani sorelle di Hanan Che[...]
Gli Arabi e l’Iran hanno una sola alternativa sulla regione: sedersi intorno a un tavolo e delineare una mappa di interessi comuni, sostiene Urayb ar-Rintawi sul quotidiano giordan[...]
Dobbiamo abbandonare la narrativa secondo la quale i conflitti civili sono guidati da antichi odi primordiali e affrontare le vere cause dei conflitti duraturi[...]
L'Isis ha compiuto attacchi dentro e fuori la capitale. Il religioso sciita al-Sadr porta in piazza un milione di manifestanti mentre i parlamentari sunniti chiedono una regione au[...]
Secondo un tribunale di Riyad, gli imputati avrebbero avuto legami con membri dell'Intelligence iraniana a cui avrebbero passato informazioni definite "sensibili. Teheran, però, ne[...]
Centinaia di migliaia di sunniti costretti in comunità ai margini vedono aumentare i casi di depressione e ansia. A offrire sostegno è Medici senza Frontiere. Lasciandoli raccontar[...]
L’Isis demolisce il più antico monastero del mondo, Mar Elia, mentre l’Onu dà il bilancio di due anni di “califfato”: 19mila morti, 3 milioni di rifugiati. [...]
Dopo i massacri di lunedì sera a Baghdad e Muqdadiya, a pagare per gli attacchi dell’Isis sono le comunità sunnite: le milizie sciite incendiano moschee, case e negozi e giustizian[...]