logo


Le manifestazioni per il lavoro si moltiplicano, insieme al numero di foreign fighters diretti tra le braccia del "califfato". E che potrebbero tornare indietro[...]
Al-Sisi dichiara tre mesi di stato di emergenza e sfrutta il radicalismo jihadista per ottenere sostegno dalla comunità internazionale, ma all’interno la sua immagine è incrinata[...]
Con il referendum alle porte, il governo turco parla di fine delle operazioni ma non ritira l'esercito[...]
A differenza di Aleppo l'assenza di immagini non solleva lo sdegno internazionale. Ma, come denunciano Onu e Amnesty, le stragi sono responsabilità della coalizione[...]
Il blitz è avvenuto a Tabqa, in preparazione all'assalto finale alla capitale dell'Isis in Siria. Al Qaeda rilancia gli attacchi a Damasco e Hama[...]
Il tentativo fallito di Tel Aviv di attirare a sé la Russia, i convogli di Hezbollah, le forze dell'Isis a Palmira: gli ultimi giorni hanno riacceso un conflitto sopito[...]
Dopo sei anni di guerra nessuna pace. Nonostante la tregua si combatte a nord e sud. Amman, in silenzio, ora torna da Assad. Nuova strage jihadista nella capitale[...]
Incontro con la piattaforma libica della società civile che chiede al prossimo Consiglio Onu per i diritti umani di creare un team di monitoraggio[...]
Il Pentagono annuncia ufficialmente l’invio di centinaia di uomini a fianco delle Sdf. L'obiettivo è segnare qualche punto in una guerra persa. Ovvie le tensioni con la Turchia[...]
Nella notte oltre 20 morti in un attentato suicida. L'esercito iracheno avanza nella seconda città irachena, ma sotto accusa finiscono i raid Usa [...]