logo


L'ultimo rapporto dello Stockholm International Peace Research Institute (Sipri) rileva che i Paesi arabi, inclusi quelli del Nord Africa, restano tra i principali acquirenti di bo[...]
Alcuni prigionieri ricoverati per l’aggravarsi delle condizioni di salute. Domani sciopero nei Territori in solidarietà con i detenuti, mentre proseguono le proteste nelle strade[...]
Parla Qassam Barghouti, figlio del leader di Fatah Marwan, che digiuna con altri 1.500 detenuti palestinesi per ottenere migliori condizioni di vita nelle carceri israeliane[...]
Aumenta il numero di detenuti, mentre parte la battaglia sui media e per le strade. Israele risponde con isolamento, confische di libri e vestiti e trasferimenti[...]
Dalla collina su cui è costruito il campo profughi di Jenin lo storico israeliano legge nelle condizioni di vita in Cisgiordania il fallimento della soluzione a due Stati[...]
Il Ministero dell'Istruzione palestinese accusa l'Unrwa di voler emendare i testi per adeguarli alla narrazione storica israeliana. L'Agenzia dell'Onu nega[...]
I palestinesi vogliono all’ordine del giorno la questione della partecipazione ai campionati israeliani delle squadre delle colonie ebraiche nei Territori occupati, durante l[...]
La protesta si allarga nonostante le contromisure adottate dalle autorità israliane. Il partito del presidente Abu Mazen si divide tra chi sostiene i prigionieri e chi teme che le [...]
Sono almeno 1200 i prigionieri politici palestinesi reclusi in Israele  che oggi hanno iniziato il digiuno ad oltranza indetto dal leader di Fatah. La protesta è  anche una dura cr[...]
Il 17 aprile alla testa di circa tremila detenuti di Fatah, darà inizio a uno sciopero della fame. Ma è anche una contestazione dei vertici del suo partito[...]