logo


Condannati per le proteste di due settimane fa nella città di al-Hoceima. Il “movimento popolare”, intanto, ha incassato martedì il sostegno dell’Unione degli scrittori marocchini.[...]
La manifestazione ha attraversato ieri il centro della capitale al grido di “Liberate i prigionieri” e “Dignità e giustizia sociale”. Scontri con la polizia ad Imzouren e al-Hoceim[...]
Ieri il Rif è tornato in piazza per l’ottava sera consecutiva per chiedere il rilascio del leader del Movimento Popolare, Nasser Zefzafi. Condanna di Amnesty per i pestaggi ai dete[...]
Dallo scorso ottobre la regione settentrionale – impoverita e costretta a sopravvivere di pesca e hashish – è in piazza per chiedere giustizia sociale e lavoro[...]
Due mesi dopo essere ritornata nell’Unione Africana, Rabat ha chiesto venerdì l’esclusione della Repubblica democratica araba dei Sahrawi (Sadr) da un summit continentale tra i min[...]
Dopo cinque mesi d’impasse politica, il neo premier islamista el-Othmani (Pjd) ha annunciato sabato una coalizione governativa con altri cinque partiti. Venerdì, intanto, il Consig[...]
Espressione artistica che caratterizza i contesti dominati dai conflitti sociali, viene utilizzata dagli artisti mediorientali per incidere sulla realtà trasformando l'esperienza d[...]
Dopo l'intervento dell’Onu, Rabat ha deciso di lasciare la zona, terra di nessuno per il Marocco, territorio liberato per il Fronte Polisario[...]
Da oggi la conversione ad una religione diversa dall'Islam non è più considerata reato punibile con la pena capitale. Una rivoluzione sociale e politica[...]
La Corte di giustizia europea ha annullato le precedenti sentenze che riconoscevano l'applicazione dell'accordo di liberalizzazione tra Rabat e Bruxelles anche ai territori del Sah[...]