logo


Alta tensione in città: ieri sera si sono ripetuti gli scontri fuori la Spianata delle moschee. Fatah proclama per oggi una “Giornata della rabbia”. La Knesset passa in prima lettu[...]
Sotto al-Sisi la popolazione egiziana si è impoverita e nuovi aumenti dei prezzi colpiscono le classi più deboli. Il malcontento è diffuso e radicato[...]
In previsione della grande manifestazione di oggi al Cairo per Tiran e Sanafir, decine di giornalisti e attivisti sono stati detenuti. Ma anche la Corte Costituzionale boccia la ce[...]
Condannati per le proteste di due settimane fa nella città di al-Hoceima. Il “movimento popolare”, intanto, ha incassato martedì il sostegno dell’Unione degli scrittori marocchini.[...]
Le difficoltà economiche spingono il regime a inasprire le misure contro le proteste [...]
Ieri il Rif è tornato in piazza per l’ottava sera consecutiva per chiedere il rilascio del leader del Movimento Popolare, Nasser Zefzafi. Condanna di Amnesty per i pestaggi ai dete[...]
Presidi e sit-in stanno facendo emergere una nuova leadership, ma non esistono ancora strutture stabili. Il governo parla di dialogo, ma poi opta per le misure dell'Fmi[...]
Organizzazioni tunisine e internazionali si dicono “profondamente preoccupate” per la creazione di un organismo di regolamentazione per la comunicazione audiovisiva e per il recent[...]
Il servizio penitenziario israeliano avrebbe trasferito i prigionieri in differenti sezioni delle sue carceri, confiscato loro vestiti e oggetti personali e “trasformato le loro st[...]
E’ quanto accaduto all’attivista Ahmad Amhaz, in prigione dal 21 marzo scorso. Human Rights Watch: “detenzione preoccupante”. Il governo, intanto, approva il primo bilancio dello s[...]