logo


Il motivo: un articolo sulle proteste in corso in Marocco ritenuto da Manama “offensivo nei confronti di un paese arabo fratello”. La scorsa settimana era stato sciolto il partito [...]
I giudici della Suprema corte amministrativa, piegati ai voleri del monarca sunnita, hanno decretato lo scioglimento del più antico dei partiti nel Golfo. Una settimana fa la poliz[...]
La repressione di re Hamad procede inarrestabile: ieri 17 persone sono state condannate alla prigione perché “appartenenti ad un gruppo terrorista”. Colpita anche la stampa: una gi[...]
Il villaggio, da mesi assediato dalle forze dell’ordine locali, è il luogo in cui risiede il religioso d’opposizione shaykh Isa Qassim a cui è stata tolta la cittadinanza lo scorso[...]
Il sovrano ha dato ieri l’ok all’emendamento della costituzione approvato dalla Camera alta del parlamento lo scorso mese. Ridotta a 4 di carcere la pena per il leader dell’opposiz[...]
Secondo il ministero degli interni, le 11 persone appartenevano ad un gruppo sostenuto dall’Iran che aveva pianificato alcuni omicidi del regno. Morto il 18enne colpito alla testa [...]
Il Consiglio consultivo ha ieri dato l’ok all’emendamento costituzionale che secondo l’opposizione instaura la legge marziale nel piccolo arcipelago[...]
L’attentato è avvenuto ieri nel villaggio di Jaw (a sud di Manama). La tensione resta alta nel Paese dove continua il duro giro di vite di re Hamad contro gli oppositori[...]
La polizia di re Hamad non cessa i raid nei villaggi e sobborghi della capitale Manama per reprimere le proteste dei cittadini sciiti per le esecuzioni di tre detenuti politici[...]
Le vittime sono state condannate ieri per l’uccisione (presunta) di tre poliziotti nel 2014. Tensione altissima nella monarchia sunnita: scontri con la polizia nei villaggi sciiti.[...]