logo


Il presidente Usa lascia fuori dal decreto il paese che ha finanziato le reti jihadiste internazionali e coinvolto nell'11 settembre. Dietro un rafforzamento dell'alleanza in chiav[...]
Il governo yemenita, in risposta alla strage di civili del 29 gennaio e al Muslim Ban, sospende l’autorizzazione a condurre azioni via terra all’esercito statunitense[...]
L’esercito siriano riprende la valle vicino Damasco, modello del conflitto che verrà: scontri in aree strategiche in parallelo con un fragile negoziato della redazione Roma, 30 gen[...]
Dopo il voto del Senato statunitense che ha rinnovato le sanzioni, la Repubblica Islamica accusa Washington di violazione dell'accordo, che impedisce di uscire dall'isolamento [...]
Il rappresentante siriano all’Onu, Bashar Jaafari, ha dichiarato che agenti occidentali, americani e israeliani sono stati trovati in un bunker nella zona di Aleppo est[...]
Friedman, come Trump, è un sostenitore aperto del trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme. Nuovo colpo alle aspirazioni palestinesi[...]
Gli Usa senza più alternative, tra Assad e un’opposizione sunnita radicale, dicono sì al piano russo e poi cambiano idea. Mosca pone il veto al Consiglio di Sicurezza[...]
Gli aiuti alla “sicurezza” degli Stati Uniti all’Autorità Nazionale Palestinese hanno trasformato Ramallah in sub-appaltatore dell'occupazione e spianato la strada all'autoritarism[...]
La nuova road map prevede la deposizione del principale alleato saudita a favore di un governo di unità. Ma la guerra prosegue[...]
Il giornalista iracheno Salah al-Nasrawi: «Non è la fine del conflitto, ma l’inizio. La fase militare è la più semplice, molto più complessa quella politica»[...]