logo


La chiusura dei rapporti con il Qatar potrebbe essere solo la dimostrazione più evidente di una strategia di ridefinizione degli equilibri di potenza mediorientali da parte dell'Ar[...]
Dopo molti mesi di battaglia, Sirte è caduta. I militanti dello Stato Islamico hanno dovuto lasciare la città che è così tornata sotto il controllo del Governo centrale. La fine de[...]
Il 30 Novembre l'accordo Opec sul taglio della produzione è stato confermato, ma sui mercati pesa l'incognita del raggiungimento di un'intesa tra Paesi Opec e non-Opec durante il m[...]
Raggiunta ieri a Vienna l’intesa. Entrerà in vigore a gennaio. I barili di greggio prodotti al giorno diventeranno 32,5 milioni (1,2 milioni in meno rispetto a quelli attuali)[...]
Dopo le minacce in campagna elettorale, si teme la fine dell'accordo nucleare con l'Iran. Le conseguenze dell'elezione di Trump potrebbero, però, essere diverse da quelle prevedibi[...]
Dopo la ventata di ottimismo data dall'accordo di Algeri, il prezzo del petrolio ha ricominciato a scendere. Il ruolo di Ryad in questo contesto di disequilibrio è centrale e rigua[...]
A fine settembre è stato raggiunto ad Algeri un accordo tra i Paesi OPEC per il taglio della produzione petrolifera. Un accordo fondato su interessi differenti e divergenti che ris[...]
Il fallimento dei negoziati di Doha non ha portato la crisi dei mercati che in molti si sarebbero aspettati. Le fratture politiche si sono presentate, invece, in tutta la loro ampi[...]
Dopo la fine delle sanzioni, il nuovo corso economico iraniano sembra veicolare una rinnovata intraprendenza del Paese sia nei mercati sia nella politica mondiale.[...]
Gli attacchi dello Stato Islamico ai terminal petroliferi intimoriscono sia i mercati mondiali sia le compagnie petrolifere. Molti sono gli interessi in gioco nella difesa del petr[...]