logo


Tra aprile e agosto le Nazioni Unite fanno sapere di aver ridotto di più di un terzo i suoi programmi umanitari nel Paese. Intanto l’Arabia Saudita denuncia una “macchia di petroli[...]
Nel rapporto "For medical purposes", Who Profits analizza il rapido adattamento delle tecnologie militari israeliane alle necessità mediche dovute all'epidemia da Covid-19[...]
«Nel 2019 l’Anp ha speso 220 milioni di Euro per la cura negli ospedali israeliani di nostri cittadini. Abbiamo già ridotto questo flusso e puntiamo a sviluppare una sanità indipen[...]
La pandemia sembra aver smussato le posizioni più rigide di Netanyahu e del movimento islamico. Possibile una trattativa per il rilascio di detenuti [...]
Per i palestinesi continuano ad aumentare le difficoltà per ottenere i permessi necessari con cui spostarsi nei Territori occupati in cerca di assistenza medica: secondo l’Oms, a m[...]
Inquinamento, acqua contaminata, materiali rilasciati dai bombardamenti israeliani sono la probabile causa dell'aumento dei tumori infantili. Ma c'è una piccola vittoria[...]
Terza e ultima parte del reportage di Mirca Garuti: la vita dei profughi, l'organizzazione tra assemblee e comitati, le attività interne, i servizi sanitari, le scuole, la raccolt[...]
Dentro la Striscia non entrano più forniture mediche e medicinali salvavita, tra cui quelli necessari alla cura dei tumori. E uscire dall'enclave palestinese è diventato quasi impo[...]
Con un fabbisogno di 340mila unità l'anno, la Banca del sangue riesce a immagazzinarne solo la metà. L'appello del Ministero ai cittadini: donate[...]
Intervista ad Angelo Stefanini, Coordinatore dei programmi sanitari della Cooperazione Italiana nei Territori Palestinesi Occupati dal 2008 al 2011 [...]