logo


I successi diplomatici non si sono tradotti in consenso popolare all'interno di Israele. La sua gestione della crisi Covid è contestata e il governo è sempre più debole e diviso[...]
Il ministero della salute non è in grado di eseguire il numero di test necessario per contenere la diffusione del contagio. Sullo sfondo la condizione di Gaza da 13 anni sotto bloc[...]
Il premier ha fatto marcia indietro sulla chiusura di decine di centri abitati in cui si registra una impennata di casi positivi. Il paese è il primo al mondo per numero di contagi[...]
Il piano presentato dal governo non è giudicato sufficiente da chi è più esposto alla crisi economica: piccoli imprenditori, lavoratori indipendenti, ristoratori, operatori turisti[...]
Storie di ordinaria repressione (con le armi italiane ed europee): un altro reporter dietro le sbarre, detenzioni e punizioni per i medici che denunciano la mala gestione dell'epid[...]
Nel rapporto "For medical purposes", Who Profits analizza il rapido adattamento delle tecnologie militari israeliane alle necessità mediche dovute all'epidemia da Covid-19[...]
L'epidemia ha già ucciso 25 dottori. In decine si dimettono accusando il governo di non aver preso misure adeguate per contenere il virus negli ospedali[...]
Dopo 17 mesi di impasse politica, è nato ufficialmente ieri il nuovo esecutivo israeliano. Per capirne di più, abbiamo sentito Michele Giorgio, direttore di Nena News e corrisponde[...]
Intervista a Maddalena Avòn, dell'iniziativa Welcome!: “Il ministero degli Interni ha limitato l'accesso ai campi a chi svolge un lavoro considerato non necessario”[...]
Da dieci giorni di Marwa Arafa e Khouloud Saeed non si hanno notizie: arrestate da polizia e servizi, accusate di post critici contro le autorità per la mala gestione dell'emergenz[...]