logo


Il presidente libanese ha dato un mese di tempo ai partiti politici per trovare un’intesa su una nuova legge elettorale che scongiuri un nuovo prolungamento dell’attuale parlamento[...]
Il premier vola a Riyadh dopo il vertice arabo di Amman. I media danno spazio alla volontà Usa di tagliare i finanziamenti all'esercito libanese[...]
Eclissata la speranza di una rottura tra l'attuale presidente e il movimento sciita, Tel Aviv e Riyadh tentano di isolare Beirut[...]
La stampa israeliana mostra preoccupazione per l'aumento della capacità militare del movimento libanese dopo 6 anni di guerra in Siria[...]
Le difficoltà dell'alleato saudita nella regione hanno costretto il premier al dialogo. Una larga coalizione dove forte è il peso del movimento sciita[...]
L’esecutivo potrebbe avere 24 ministri distribuiti tra le varie forze dell’Assemblea Nazionale. Ma l’unità è solo apparente: i contrasti tra i vari partiti sono soltanto posticipat[...]
Parla l'analista libanese ed esperto di Iran Ali Hashem. Convenienze reciproche hanno convinto le rivali Tehran e Riyadh a favorire l'intesa tra gli opposti campi filo siriano e an[...]
L’ex generale cristiano, stretto alleato del movimento sciita, è stato eletto in tarda mattinata capo dello stato. A favorirlo la svolta del leader sunnita Saad Hariri. Un pa[...]
La clamorosa decisione presa dall'ex premier sunnita dovrebbe portare, finalmente, all’elezione del presidente della repubblica libanese nella prossima seduta parlamentare del 31 o[...]
L'annuncio di Riyad di non finanziare più una fornitura di armi francesi ha rinnovato lo scontro tra i due schieramenti politici rivali libanesi: il coordinamento "8 marzo" filo-si[...]