logo


Il Washington Post scrive che il programma di aiuti israeliani ai “ribelli” siriani è finalizzato a creare una sorta di “fascia di sicurezza” a protezione del Golan[...]
I "lavori di manutenzione" della barriera di confine con il Libano che Israele avvierà rischiano di innescare il secondo round della guerra combattuta nel 2006[...]
Secondo i media giordani, Amman potrebbe entrare nel sud della Siria per combattere i gruppi jihadisti lungo il suo confine. Damasco protesta: “il vero obiettivo è creare uno stato[...]
Lo stato ebraico teme che Damasco possa restaurare l’autorità al periodo precedente la guerra civile siriana. Tel Aviv, in particolare, guarda con preoccupazione al Golan dove i gr[...]
Continuano le schermaglie tra lo stato ebraico e un gruppo affiliato all’autoproclamato califfato. A nord, intanto, le truppe siriane controllano ormai il 30% della zona orientale [...]
Il parlamentare, membro del governo Netanyahu, attacca duramente Liberman (“i jihadisti avanzano grazie alla copertura del ministro della difesa”) e invita Tel Aviv a proteggere la[...]
La ministra di giustizia dello stato ebraico ha detto ieri che "leggi che passeranno al parlamento israeliano saranno estese anche alla Giudea e la Samaria". La "centrista" Livni l[...]
Il premier israeliano ha smentito così le voci secondo cui Tel Aviv sarebbe favorevole alla cessione del "suo" territorio ribadendo che il vero difensore "dell'Eretz Yisrael" è lui[...]
L’oppositore siriano in “tour” in Israele per illustrare il piano per una “zona sicura” a ridosso del Golan per i civili siriani e a difesa dello Stat[...]
A rivelare la notizia è stato il canale 2 israeliano. Pochi giorni fa il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva ammesso per la prima volta che lo stato ebraico opera "di tanto[...]