logo


Il disequilibrio libico e la lotta tra le diverse fazioni presenti nel Paese hanno in primo luogo un effetto diretto sulla popolazione locale con un peggioramento progressivo e rad[...]
L'azione di Italia e Europa mira a pacificare l'area per permettere la ripresa degli investimenti esteri e consentire di spostare il problema migratorio dalla costa nord a quella s[...]
Terzo giorno di raid sulla città libica, controllata per metà dagli islamisti del Consiglio della Shura e per metà da Tobruk. Che ammette: l’operazione è stata coordinata con il no[...]
Scontri a fuoco, manifestazioni di protesta, cambi di casacche: il governo non gode di alcuna autorità. Domenica presa d'assalto la base navale di Abu Seta, sede del Gna; venerdì i[...]
Libia ed Italia firmano un nuovo accordo per contrastare l'immigrazione clandestina. I paesi europei avallano mentre si alzano voci di denuncia per le condizioni di vita dei migran[...]
Le variabili esterne sembrano destinate a mutare nel breve periodo e nelle prossime settimane potremmo assistere ad un'evoluzione della situazione libica e ad un riassestamento deg[...]
Già presente nel paese nordafricano, Pechino torna alla carica con investimenti multimiliardari in Cirenaica che, insieme all'export di greggio, la renderebbero centro nevralgico d[...]
Miliziani agli ordini dell'ex premier Khalifa al Ghwell hanno occupato qualche edificio e una stazione tv ma in poche ore le forze governative hanno ripreso il controllo. L'accadut[...]
Il Governo di Tripoli e il primo ministro Fayez al Sarraj sembrano sempre più isolati sia all'interno che all'esterno della Libia. L'avanzamento delle forze di Tobruk nell'est e la[...]
La guerra, quantomeno quella diplomatica, tra Tripoli e Tobruk è iniziata. Contemporaneamente si configura un contesto in cui anche l'opzione militare diventa praticabile. [...]