logo


Si è conclusa ieri la due giorni palermitana sulla Libia che, al di là di qualche vaga promessa su elezioni a primavera e della stretta di mano tra i due leader rivali Sarraj e Haf[...]
Ieri un commando armato, forse dello “Stato islamico”, ha assaltato nella capitale la sede centrale della compagnia petrolifera Noc. Nelle stesse ore, il ministro degli esteri ital[...]
E’ giunto il momento di chiedersi se non sia l’intero processo politico a dover essere rivisto, coinvolgendo in particolare quegli attori che sono spesso stati esclusi o alme[...]
Distrutti due grandi serbatoi per lo stoccaggio del greggio a Sidra e Ras Lanuf. Gli uomini di Haftar accusano l'Italia di voler destabilizzare il paese[...]
La milizia guidata da Ibrahim al Jadharn ha occupato i terminal di Ras Lanuf e Sidra. Droni Usa colpiscono al Qaeda, con Trump gli Stati Uniti sempre più impegnati nel paese[...]
Nel vertice di Parigi benedetto dal presidente francese Macron, le varie fazioni hanno trovato una intesa per il 10 dicembre. Il premier al-Sarraj ammette: “Non sarà una strada cop[...]
A fronte di un passato in cui Haftar è stato un personaggio cardine delle dinamiche del paese nordafricano la scelta del successore acquista una valenza di ampia portata[...]
Il 17 dicembre cadeva il secondo anniversario degli accordi di Skhirat che portarono alla nomina di Sarraj. A due anni di distanza la ricomposizione tentata sembra molto lontana[...]
Ucciso il sindaco di Misurata, scontri a Sirte tra le milizie della città e gli uomini del generale ribelle. Anche Saif al-Islam vuole correre alle elezioni-fantasma. Intanto in Eg[...]
Il governo Gentiloni, dopo aver archiviato il caso del ricercatore italiano assassinato al Cairo, spera che Abdel Fattah el Sisi agisca per favorire gli interessi italiani in Libia[...]