logo


L’ultimo caso è quello del 38enne Hamdi Naasan del villaggio cisgiordano di al-Mugheir raggiunto da un colpo di arma da fuoco esploso da un colono. Sulla sua uccisione l’inviato On[...]
Secondo uno studio del quotidiano israeliano, la violenza dei coloni e degli attivisti di destra israeliana è passata dai 140 “incidenti” del 2017 ai 482 dello scorso anno [...]
La più alta corte di Israele ritarda la demolizione di una sinagoga costruita in cima a una proprietà rubata ai palestinesi, temendo ritorsioni da parte di estremisti di destra. Mi[...]
Israele – scrive il quotidiano Haaretz – deve trattare i mandanti dei crimini motivati d’odio, come quello commesso vicino a Tiberiade, con la stessa severità ris[...]
I responsabili, quasi certamente coloni israeliani, hanno "firmato" la loro azione lasciando sulle pareti della moschea scritte e slogan contro l'Islam e gli arabi. Ieri, nella ste[...]
Tel Aviv ha deciso di costruire un posto di polizia permanente nell’insediamento più violento della Cisgiordania occupata. E il controllo dei coloni sarà direttamente proporz[...]
Alla vigilia della visita del Papa, aumentano i casi di vandalismo. Il Vaticano insorge, Tel Aviv tace. E i media internazionali se la prendono con gli estremisti islamici.[...]
Prima di appiccare il fuoco hanno scritto sulle mura slogan del “Price Tag”, fra questi: ”Arabi, fuori”. Tensione forte nella città della Galilea. della red[...]
Intervista alla giornalista di Ha’aretz: “Gli attacchi dei coloni e il Price Tag sono parte di un circolo di violenza istituzionalizzato, che passa per l’esercito, i tribunali e fi[...]
Le autorità israeliane da tempo annunciano provvedimenti punitivi verso i responsabili del “Price Tag” ma alle parole sono seguite raramente azioni concrete. Arresti e condanne son[...]