logo


L'altra faccia dei Territori occupati: la birra di Nadim, la Scuola di Circo e il Conservatorio Edward Said. Tre esempi di produzione culturale e artistica dal basso che sfida i le[...]
Situato a pochi chilometri da Nablus, il paesino palestinese è diventato “il villaggio della ceramica” grazie ad un modello virtuoso di recupero del territorio in cui si sovrappong[...]
Dopo gli Accordi di Oslo la finta unione doganale tra Tel Aviv e Ramallah ha prodotto un annichilimento della capacità produttiva e di esportazione palestinese[...]
Nel 1994 l’Olp e Israele firmarono il “Protocollo di Parigi” che formalizzava le relazioni economiche per cinque anni tra Tel Aviv e la nascente Autorità Palestinese. L’intesa è pe[...]
Lo scorso 23 giugno la Camera di commercio di Sarajevo e quella dell'Oman hanno firmato un Memorandum d'intesa con l'obiettivo di sviluppare gli scambi commerciali e gli investimen[...]
Troppi debiti, poca crescita, oligopolio produttivo dell'esercito. E i due terzi della popolazione vivono in miseria. Ma l'Fmi, artefice dell'austerity, racconta un'altra storia [...]
Abdel Fattah al-Sisi ha venduto il proprio Paese come destinazione per gli investimenti con la complicità dell'Fmi, ma il tenore di vita dell’egiziano medio sta precipitando[...]
Cauta preoccupazione tra le economie della regione, sempre più legate ai capitali turchi. I problemi potrebbero sorgere dopo. Cosa succede in Serbia, Bosnia e Croazia[...]
Il ministro dell'Interno Salvini chiede rimpatri veloci perché nel paese nordafricano non c'è la guerra. Ma a sette anni dalla cacciata di Ben Alì le ragioni che la scatenarono son[...]
Il Presidente dell’Autorità Palestinese Abbas dovrebbe seriamente considerare le alternative al Protocollo Economico di Parigi, firmato nel 1994[...]