logo


Leader del Movimento Popolare nato nella regione montagnosa del Rif oltre due anni fa, è stato condannato a 20 anni di prigione perché per Rabat “ha minacciato l’ordine pubblico e [...]
Washington preme su Rabat perché torni al tavolo con il Fronte Polisario entro l’anno. Le Nazioni unite invitano le parti a Ginevra il 5 dicembre, ma il Marocco ha già detto di no[...]
La legge Hakkaoui, approvata lo scorso 14 febbraio dopo un lungo iter parlamentare, prevede pene più severe per chi commette vari tipi di crimini contro le donne. Mentre per alcuni[...]
Oggi vi portiamo in Sud Sudan, Marocco, Uganda e Nigeria nel consueto appuntamento settimanale con il continente africano[...]
Condannato Nasser Zefzafi, sentenze pesantissime contro decine di attivisti della regione settentrionale. Ma c'è una forma di dissenso che Rabat non può fermare: da fine aprile mil[...]
Secondo Rabat, attraverso Hezbollah, Tehran fornirebbe armi e addestramento al Fronte Polisario che, da parte sua, nega con forza[...]
Nella tradizionale rubrica del sabato dal continente africano, andiamo in Sudafrica, Zimbabwe, Sierra Leone, Marocco, Ciad e Camerun[...]
Stallo nel negoziato: Rabat vuole escludere Unione Europea e Unione Africana, più vicini alle istanze di autodeterminazione saharawi[...]
Mkallech e Dainane fermati dopo un incidente stradale. Pochi giorni fa erano tornate in piazza le donne dopo la quarta morte da dicembre nelle miniere abbandonate[...]
L'inviato speciale Koehler convoca il governo di Rabat e la Rasd dopo un aumento delle tensioni e in vista della conclusione della missione Minurso[...]