logo


Il premier iracheno si è detto disposto ad attuare le sanzioni americane contro l'Iran. Dietro la sua dichiarazione un insieme di fattori, soprattutto economici[...]
Il sud è incandescente: dall'8 luglio manifestazioni e blocco dei giacimenti petroliferi, almeno 14 morti e centinaia di feriti. Baghdad risponde con l'esercito[...]
Un kamikaze si fa esplodere nel mercato della città meridionale di As-Suwayda, mentre altri miliziani assaltavano sette villaggi. Dopo la perdita di territorio, l'Isis applica la t[...]
Da una settimana le città sciite attraversate dalle manifestazioni contro il governo: «Assumeteci o chiudiamo i giacimenti di petrolio». Il governo sospende internet e manda l'eser[...]
Il bombardamento di domenica attribuito da un funzionario Usa all'aviazione israeliana: è la prima volta che lo Stato ebraico colpisce così lontano. Il consigliere per la sicurezza[...]
A un mese dal voto un governo non è nato e il paese rischia il caos: quattro arresti per l’incendio delle schede elettorali a Baghdad, disarmo lontano e i nuovi tentativi divisivi [...]
La bomba-umana ha ucciso cinque persone nel settimo giorno del mese di digiuno islamico del Ramadan. La sua azione non è stata ancora rivendicata ma le autorità sospettano sia oper[...]
Il leader religioso sta conducendo consultazioni con i partiti iracheni per formare un’alleanza ampia e stabile. Possibile che al-Abadi resti premier. Ma i dubbi maggiori riguardan[...]
Con metà dei voti scrutinati il primo partito è la coalizione Sairoun, seconde le milizie sciite, solo terzo il favorito premier al-Abadi. Un voto di rottura[...]
Oggi il paese va alle urne per le prime parlamentari dopo l'invasione dello Stato islamico. La strana alleanza comunisti-sadristi, la lista mista del premier al-Abadi[...]