logo


Il paese nel caos: prima del leader di Tripoli si era dimesso anche il premier della Cirenaica[...]
Povertà e assenza di servizi, dopo la Tripolitania scoppia la rabbia anche in Cirenaica. Il generale libico sequestra 18 pescatori italiani: in cambio vuole quattro scafisti spacci[...]
Si allarga intanto lo scontro politico e diplomatico dopo l’accordo marittimo e militare tra Tripoli e Ankara che ha fatto arrabbiare anche la Grecia. Drammatica la situazione uman[...]
In ripresa dopo anni di conflitto, proprio mentre i membri OPEC programmano tagli alla produzione, la Libia spera in una deroga per continuare a far crescere la produzione e l'espo[...]
Gli attori della contesa libica si muovono per cercare una definitiva soluzione al conflitto. La mancata convergenza di obiettivi rischia, però, di minare alla base tutti i tentati[...]
A fronte di un passato in cui Haftar è stato un personaggio cardine delle dinamiche del paese nordafricano la scelta del successore acquista una valenza di ampia portata[...]
A sette anni dall'inizio della guerra civile, la Libia si prepara al voto. Il futuro ha però ancora molte incognite e le possibilità di uscita dalla crisi non sono elevate[...]
Il 17 dicembre cadeva il secondo anniversario degli accordi di Skhirat che portarono alla nomina di Sarraj. A due anni di distanza la ricomposizione tentata sembra molto lontana[...]
Il disequilibrio libico e la lotta tra le diverse fazioni presenti nel Paese hanno in primo luogo un effetto diretto sulla popolazione locale con un peggioramento progressivo e rad[...]
Il generale: «Colpirò le navi straniere lungo le nostre coste». L’ex delfino: «Intervento fascista». I due negoziano da tempo: il figlio di Gheddafi ha dalla sua autorità politica [...]