logo


Anche quaranta detenuti palestinesi del Fronte Popolare si sono uniti alle proteste in corso nelle prigioni. Chiedono a Tel Aviv di interrompere l’estensione della detenzione ammin[...]
Il leader del Pkk, in una lettera consegnata ai legali, chiede alle migliaia di attivisti e prigionieri politici a digiuno da mesi contro il suo isolamento di interrompere la prote[...]
Il movimento dei prigionieri parla di “successo” per l’intesa raggiunta: istallazione di 4 linee telefoniche pubbliche nelle carceri, ritorno nello loro sezioni dei detenuti trasfe[...]
“La seconda battaglia per la dignità” è cominciata: i prigionieri politici palestinesi rifiutano il cibo per protesta contro le condizioni di detenzione nelle carceri israeliane. P[...]
Oltre 80 detenuti rifiutano il cibo dal 5 luglio nel super carcere di Wadi al-Natrun. Torture, abusi e maltrattamenti si uniscono alla "detenzione facile"[...]
La dirigente del partito Fatah ha smentito le notizie secondo le quali il marito Marwan continuerebbe il digiuno di protesta. Intanto il leader del Fronte popolare, Ahmad Saadat, a[...]
L'interruzione del digiuno cominciato lo scorso 17 aprile è giunta dopo una trattativa nella prigione di Ashqelon durata 20 ore tra le autorità carcerarie e il leader di Fatah Bar[...]
Dopo 38 giorni a digiuno, le condizioni dei detenuti peggiorano rapidamente. Protesta dei familiari di fronte alla sede della Croce Rossa. Ma nel silenzio internazionale, dichiarar[...]
Ieri il leader palestinese, promotore dello sciopero della fame di massa iniziato lo scorso 17 aprile, ha denunciato le condizioni “tremende” in cui è detenuto, ha invitato Fatah e[...]
Aarab Barghouti, 26 anni, è il figlio di Marwan Barghouti, il militante di Fatah in carcere che sta guidando uno sciopero della fame nelle prigioni israeliane[...]