logo


Il premier al-Abadi ha nominato l’ingegnere civile primo cittadino: godrà dei poteri di un ministro e riferirà direttamente al governo. Scaramucce con Washington sulla ripresa di M[...]
Gli Usa non sostengono l’avanzata irachena nella città natale di Saddam, ufficialmente per il timore di settarismi. Gli stessi riaccesi con l’occupazione statunitense. [...]
Nel racconto di Sasson Somekh la vicenda degli ebrei iracheni. Divenuti negli anni Cinquanta nuovi cittadini dello stato d’Israele per loro si prospetterà in maniera preponde[...]
L’Isis avanza nella provincia di Anbar, le forze militari si ritirano. Almeno 50 morti ieri in attentati nella capitale, circondata all’esterno e colpita all’interno. [...]
Mentre la controffensiva delle forze lealiste sottrae allo Stato Islamico le città di Sulaiman Bek e Amerli, la Ong londinese denuncia le atrocità commesse nel Nord del Paese. Onu [...]
È il sunnita al-Juburi, ha un mese di tempo per scegliere il premier. Sul tavolo, il referendum curdo e la nomina di Maliki. L’esercito lancia offensiva a Tikrit.[...]
Ieri i parlamentari non sono riusciti a nominare il loro presidente: i sunniti puntano su al-Juburi, Maliki lo teme. I jihadisti prendono la città di Dhuluiya a 80 km dalla capital[...]
Baghdad lancia l’allarme per il materiale nucleare conservato nei laboratori dell’università di Mosul, ma non potrebbe essere usato per costruire armi. Maliki accusa i curdi di aiu[...]
I jihadisti sono funzionali alla strategia statunitense di demolizione degli stati attraverso la guerra coperta. L’obiettivo di Washington non è la difesa, ma il controllo de[...]
Jihadisti alle porte della capitale. Al Sistani agli iracheni: imbracciate le armi. Arrivano notizie di stragi di civili ed esecuzioni sommarie. La Casa Bianca è pronta a intervent[...]