logo


Sia per le politiche adottate sia per il livello di brutalità, l’apartheid in Israele non è così diverso da quello che esisteva in Sudafrica[...]
Parla la co-autrice del rapporto dell’Onu sulla natura discriminatoria dello Stato ebraico: «Se una dottrina nazionale esclude un determinato gruppo su base etnica o confessionale,[...]
Per Israele la route 4370 è una «tangenziale» che permette al traffico di scorrere senza problemi all’ingresso orientale di Gerusalemme. Per i palestinesi, invece, è la prova dell’[...]
Decine di manifestanti sono riusciti ieri a bloccare temporaneamente le vie di accesso alla nuova arteria a est di Gerusalemme, fisicamente divisa in due da un muro dalle autorità [...]
Israele sostiene che la nuova strada, che separa israeliani e palestinesi con un muro alto otto metri, decongestiona il traffico per i coloni aiutando al contempo i palestinesi a v[...]
Le leggi approvate lo scorso anno intendono fornire una copertura legale per l’atto di annessione formale dei territori oltre i confini riconosciuti dello Stato di Israele[...]
Dibattito aperto sul controverso articolo della legge nazionale che spinge alla creazione di comunità su base etnica e confessionale. Protesta anche il presidente Rivlin[...]
L'occupazione israeliana considera mio padre, l’attivista nonviolento Munther Amira, una minaccia per il sistema di apartheid, perché diffonde speranza nella nostra comunità[...]
Non vogliono nuocere fisicamente ai palestinesi. Vogliono semplicemente privarli dei diritti umani fondamentali, come l’autogoverno nel loro Stato e la libertà dall’oppressione[...]
Salim Vally, professore sudafricano e leader del Palestine Solidarity Committee: «Il sistema israeliano è più sofisticato: si applica in forme diverse alle diverse 'sacche' di pale[...]