logo



As the Palestinian leadership remains hesitant about what to do to address growing settler violence in the West Bank, Israel is seeking to create a separate Palestinian ‘state’ in Gaza, says Talal Awkal

gaza

by Talal ‘Awkal – Al Ayyam

(translated by Mideast Mirror Ltd)

The events in the West Bank since last week’s crime of setting the Dawabsha family’s home on fire [killing the infant Ali and his father], have serious implications for Israel’s plans to nullify Palestinian rights. It would be possible to respond to the Dawabsha fire in more than one way if it were an isolated crime, outside the scope of Israel’s general policy. But things are heading in a different direction. These are the terms of a possible war that Israel may wage on the West Bank, which will be different from that that it may wage on the Gaza strip that it has treated as a hostile entity since September 2009.

Israel’s war on the West Bank targets the land, people, the political system and rights, and is aimed at sapping the Palestinian will, in a blatant challenge to all the UN’s resolutions. The war against Jerusalem and al-Aqsa Mosque has not flagged, and Israel has not backed down when it comes to confiscating land and building settlements. It is seeking to force-feed prisoners who go on hunger strike, while settler terrorism grows, and the crimes against the people and land continue.

Israel is taking advantage of neighboring and internal conditions. The U.S. has abandoned its efforts in the peace process despite its bias towards Israel, and the European Union is paralyzed, while the Arab position is fragmented, and steeped in internal concerns. The Palestinian situation is no better. [The Fatah/Hamas/Gaza/West Bank] Division still determines the extent and nature of any possible confrontation with Israel and the answer to the question as to whether a third Palestinian intifada can break out is in the negative. All its circumstances have matured except for this divide.

[Palestinian] Political leaders hide behind their impotence by issuing empty threats that Israel knows exactly how serious they are and counts on being able to contain them. The political leadership is confused, hesitant and indecisive, making random choices without clear or comprehensive strategies.

Israeli President Rivlin speaks of Israel’s political lassitude in fighting Jewish terrorism, while former Shin Bet head Diskin warns that the ‘state of Judea in the West Bank’ is taking form, and is operating under different rules than those adopted in the state of Israel. Diskin diagnoses the current situation posed by the settlement presence and ideology in the West Bank as being in harmony with Israel’s strategy for dealing with the West Bank by providing the project of the state of ‘Judea’ the protection and care of the army and security services.

Aside from the repercussions of the role played by settlers, acting like a time bomb that will explode within Israel and turn it into a racist society plagued by all sorts of contradictions and struggles, the more direct impact of their role is to bury the vision of two states with Jerusalem as a capital, preparing to annex a large part of the West Bank and expelling the [Palestinian] population there.

The culminating point in this plan, of which the ordinary Palestinian citizen as well as political officialdom are well aware, is to separate the Gaza strip from the West Bank once and for all, creating all the appropriate circumstances to establish a state in the Strip with its own people, distinct from those in the West Bank and elsewhere. Discussions about a temporary truce in exchange for ending the siege and allowing a port and possibly an airport may have regressed somewhat since the mediators have moved on to discussing the resistance [Hamas and other Palestinian armed factions] and its arms.

In Israel’s political thought and the visions of those mediators who support it, there can be no agreement on any such deal without getting rid of the resistance’s arms in one way or another. If Hamas is unwilling to agree to eliminate the resistance’s arms, it will probably take a new war on the strip to achieve the plan of creating the state of Gaza.

Last year’s war against the Strip will no longer act as a motive for negotiations for a fixed ceasefire. The situation has gone back to where it was before the war with the exception of the massive destruction and great numbers of martyrs and wounded. That merchandise is no longer good for trade.

“The Arab, regional, and international circumstances are all very appropriate for Israel to launch a new war on Gaza to disarm all the resistance factions who present an obstacle to imposing a settlement or an agreement that cedes Gaza once and for all. To those who wish to establish a Palestinian state, this will be all that Israel has to offer to the Palestinians”.

 

 

Print Friendly

  1. Francesco Errante Rispondi

    TRADUZIONE AUTOMATICA LEGGERMENTE CORRETTA — Gli eventi in Cisgiordania che si sono evoluti dal crimine della scorsa settimana, l’attentato incendiario alla casa della famiglia Dawabsha [che ha ucciso il bambino Ali, suo padre – (aggiornamento: anche la madre)], ha gravi implicazioni per i piani di Israele di vanificare i diritti dei palestinesi. Sarebbe possibile rispondere al fuoco Dawabsha in più di un modo se fosse un crimine isolato, fuori dell’ambito della politica generale di Israele. Ma le cose stanno andando in una direzione diversa. Questi sono i termini di una possibile guerra che Israele potrebbe intraprendere in Cisgiordania, che sarà diverso da quello che potrebbe intraprendere sulla striscia di Gaza, che ha trattato come una entità ostile da September 2009.

    Guerra di Israele in Cisgiordania gli obiettivi del paese, la gente, il sistema politico e dei diritti, e ha lo scopo di fiaccare la volontà palestinese, in una sfida palese a tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite. La guerra contro Gerusalemme e al-Aqsa non è contrassegnato, e Israele non ha fatto marcia indietro quando si tratta di confiscare terreni e fabbricati insediamenti. Si sta cercando di costringere i detenuti-alimentare che vanno in sciopero della fame, mentre il terrorismo dei coloni cresce, ei crimini contro il popolo e la terra continuano.

    Israele sta approfittando della vicina e condizioni interne. Gli Stati Uniti hanno abbandonato i suoi sforzi nel processo di pace, nonostante il suo pregiudizio nei confronti di Israele, e l’Unione europea è paralizzato, mentre la posizione araba è frammentato, e ricco di preoccupazioni interne. La situazione palestinese non è migliore. [La Banca Fatah / Hamas / Gaza / West] Divisione continua a determinare la portata e la natura di un eventuale confronto con Israele e la risposta alla domanda se una terza Intifada palestinese può uscire è negativa. Tutte le sue condizioni sono maturate eccezione di questo divario.

    I leader politici [palestinesi] si nascondono dietro la loro impotenza mediante emissione di vuote minacce che Israele sa esattamente la loro gravità e conta di essere in grado di contenerli. La leadership politica è confusa, titubante e indeciso, scelte a caso, senza chiare strategie e completi.

    Presidente israeliano Rivlin parla di stanchezza politica di Israele nella lotta al terrorismo ebraico, mentre l’ex capo dello Shin Bet Diskin avverte che lo ‘stato di Giudea in Cisgiordania’ sta prendendo forma, e funziona in regole diverse rispetto a quelle adottate nello Stato di Israele. Diskin diagnosi della situazione attuale posto dalla presenza insediamento e l’ideologia in Cisgiordania come essere in armonia con la strategia di Israele per affrontare con la Cisgiordania, fornendo il progetto dello stato di ‘Giudea’ la protezione e la cura dei servizi militari e di sicurezza .

    A parte le ripercussioni del ruolo svolto dai coloni, che agiscono come una bomba a orologeria che esploderà in Israele e di trasformarlo in una società razzista afflitto da ogni sorta di contraddizioni e lotte, l’impatto più diretto del loro ruolo è di seppellire la visione di due stati con Gerusalemme come capitale, la preparazione di annettere una gran parte della Cisgiordania e di espellere la popolazione [palestinese] lì.

    Il punto culminante di questo piano, di cui il cittadino palestinese ordinario così come la burocrazia politica sono ben consapevoli, è quello di separare la striscia di Gaza dalla Cisgiordania, una volta per tutte, la creazione di tutte le circostanze del caso di stabilire uno stato nella Striscia con il proprio popolo, distinti da quelli della Cisgiordania e altrove. Discussioni su una tregua temporanea in cambio di porre fine all’assedio e permettendo una porta e, eventualmente, di un aeroporto potrebbe essere un po ‘regredito dal momento che i mediatori si sono spostati a discutere resistenza [di Hamas e di altre fazioni armate palestinesi] e le sue braccia.

    Nel pensiero politico di Israele e le visioni di quei mediatori che lo sostengono, non ci può essere un accordo su tale accordo senza sbarazzarsi delle armi della resistenza in un modo o nell’altro. Se Hamas non è favorevole ad eliminare le braccia della resistenza, probabilmente prendere una nuova guerra sulla striscia per realizzare il piano della creazione dello stato di Gaza.

    La guerra dello scorso anno contro la Striscia non sarà più agire come un motivo di negoziati per un cessate il fuoco fisso. La situazione è tornato a dove era prima della guerra, con l’eccezione della distruzione massiccia e un gran numero di martiri e feriti. Che la merce non è più buono per il commercio.

    “Le circostanze arabe, regionali e internazionali, sono tutti molto appropriato per Israele per lanciare una nuova guerra contro Gaza per disarmare tutte le fazioni della resistenza che presentano un ostacolo ad imporre un accordo o un accordo che cede Gaza una volta per tutte. Per coloro che desiderano stabilire uno stato palestinese, questo sarà tutto quello che Israele ha da offrire ai palestinesi “.

Rispondi a Francesco Errante Annulla risposta

*


+ sette = 15

captcha *