logo


Alcuni prigionieri ricoverati per l’aggravarsi delle condizioni di salute. Domani sciopero nei Territori in solidarietà con i detenuti, mentre proseguono le proteste nelle strade[...]
Parla Qassam Barghouti, figlio del leader di Fatah Marwan, che digiuna con altri 1.500 detenuti palestinesi per ottenere migliori condizioni di vita nelle carceri israeliane[...]
Aumenta il numero di detenuti, mentre parte la battaglia sui media e per le strade. Israele risponde con isolamento, confische di libri e vestiti e trasferimenti[...]
La protesta si allarga nonostante le contromisure adottate dalle autorità israliane. Il partito del presidente Abu Mazen si divide tra chi sostiene i prigionieri e chi teme che le [...]
Il servizio penitenziario israeliano avrebbe trasferito i prigionieri in differenti sezioni delle sue carceri, confiscato loro vestiti e oggetti personali e “trasformato le loro st[...]
Sono almeno 1200 i prigionieri politici palestinesi reclusi in Israele  che oggi hanno iniziato il digiuno ad oltranza indetto dal leader di Fatah. La protesta è  anche una dura cr[...]
Un centinaio di detenuti palestinesi rifiutano il cibo per chiedere la scarcerazione dei prigionieri Al Balboul e di Al Qadi, ricoverati in gravi condizioni di salute[...]
Sarà scarcerato il 12 dicembre alla fine del periodo di detenzione amministrativa. Resta in piedi la protesta di altri 4 prigionieri. Scelte individuali che in parte indeboliscono [...]
Alla protesta di Bilal Kayed, a digiuno da 51 giorni, si uniscono altri detenuti politici. Israele interviene per fermarla: raid nelle celle e trasferimenti[...]
"I prigionieri rivoltano la relazione oggettiva e soggettiva con la violenza fondendoli in un unico corpo – il corpo del detenuto in sciopero – e riaffermano il loro status"[...]