logo


Una nuova legge revoca diritti e sussidi garantiti da Saddam Hussein ai rifugiati della Nakba. Un dramma politico e umano[...]
Secondo la ong statunitense Human Rights Watch, le distruzioni sono avvenute per “nessun legittimo fine militare”. Il governo regionale del Kurdistan iracheno si difende: “è colpa [...]
Dalla guerra del 2013 a oggi. Solo un progetto unitario di tutti gli iracheni salverà la città non un nuovo dominatore[...]
OPINIONE. Se da un punto di vista militare il governo Al Abadi ha ricostruito il proprio apparato di difesa per contrapporsi all’Isis, non si può dire la stessa cosa per quanto rig[...]
«Permetteteci di opporci. I nostri cieli sono stati sequestrati, la nostra gente viene massacrata in nome della “lotta allo stato islamico”. Vedremo presto una Siria or[...]
Da un anno la città, negli anni '80 sottoposta ad una vasta campagna di “arabizzazione” da parte del presidente iracheno Saddam Hussein, sta vivendo una nuova “pulizia etnica” al c[...]
Although the presence and strength of former Baathist officers in the Islamic State is unlikely to revive pan-Arab nationalism, it has implications for a strategy to counter the Is[...]
In un rapporto di Hrw si raccontano le violenze delle milizie Badr contro la città sunnita di Amerli. Ora i timori si concentrano su Tikrit e Mosul.[...]
L’avanzata dell’Isis svela le bugie della Casa Bianca: le armi con cui Bush giustificò l’invasione erano di fabbricazione Usa, vendute durante la guerra con l’Iran.[...]
Bagdad ha inziato il trasferimeto dei 2.400 detenuti sospettati di terrorismo. La prigione si trova in un’area piuttosto insicura, tra la capitale e la città di Falluja che è nella[...]