logo


La "diplomazia pubblica", volta a dare una immagine sempre positiva di Israele e ad oscurare i diritti negati dei palestinesi, diventa obbligatoria anche per gli studenti arabo isr[...]
“Quando non c’è più onestà, ciò che rimane non è altro che propaganda” ha scritto su Haaretz il noto giornalista israeliano dopo l’uccisione della 21enne paramedica palestinese[...]
«Il Giro è una grande campagna mediatica, di quelle che scollano le parole dai fatti», scrive Flavia Lepre. «Nell'immediato serve a Israele per distrarre dalla sua aperta volontà d[...]