logo


Washington ha come obiettivo la divisione del territorio, frenando i raid russi con la giustificazione delle difficoltà a distinguere le opposizioni legittime dai gruppi jihadisti[...]
Prosegue la controffensiva nella città bastione dell’Isis, via di rifornimento di uomini e armi verso Raqqa. Scontri tra Sdf e unità dell’Els, che accusano Rojava di coordinarsi co[...]
Mosca interrompe le ostilità unilateralmente, non si conoscono le opposizione coinvolte. Una misura presa a poche ore dall’attacco verbale di Kerry. Nessuna parte interessata al di[...]
Le Nazioni Unite decidono di non indicare una nuova data per il negoziato. Sul campo le Sdf stanno per liberare la città in mano all’Isis. Sul governo accuse di aver colpito gli ai[...]
Altri 4 attentati nei quartieri sciiti della capitale irachena, 77 morti. In Austria il meeting internazionale sulla crisi siriana si conclude con un nulla di fatto[...]
Si intensifica drammaticamente lo scontro a nord del paese: al-Nusra e Ahrar al-Sham occupano un villaggio ad Aleppo, 28 morti nel bombardamento di un campo di sfollati[...]
Un altro ospedale colpito: 19 morti. Onu, Russia e Usa parlano di tregua vicina, ma nessuno dei due fronti intende allentare la presa: chi prende la città, prende la Siria[...]
Il negoziato di Ginevra prossimo al collasso con gli anti e i pro-Assad interessati a definire i propri spazi di influenza. E lo Stato Islamico avanza[...]
Oggi Fratelli Musulmani e 6 Aprile protestano a Tahrir contro la cessione delle isole a Riyadh. Ministero avverte: «Prenderemo misure per garantire la sicurezza»[...]
Oggi seggi aperti in 12 province siriane su decisione del governo. A Ginevra il dialogo è dettato dalle necessità degli attori terzi. E gli Usa pensano a riarmare le opposizioni[...]