logo


Dopo anni di conflitto, le forze occidentali sembrano aver cambiato strategia nel contesto libico. Fattori economici e di gestione delle alleanze d'area hanno contribuito al mutame[...]
Sotto i raid Usa lo Stato Islamico perderà la roccaforte, ma non gli adepti. Il «califfato» presente su 120 km di costa. Da Derna a Bengasi, territorio diviso tra gruppi avversari[...]
Si è reso evidente il mutamento delle alleanze in atto tra potenze internazionali e attori libici. Al centro di questo cambiamento, ancora una volta, l'Egitto di Al Sisi[...]
Secondo i media internazionali lo Stato Islamico starebbe arretrando in tutto il Medio Oriente e il nord Africa a seguito delle offensive dei diversi attori locali. La fluidità del[...]
Le forze del governo di unità entrano nel centro della città e prevedono di riprenderla entro pochi giorni. Ma l'Isis non è ancora vinto: attentati nello stile iracheno e nuovo flu[...]
Mentre si prepara un'offensiva contro l'Isis e GNA e Haftar mantengono la loro contrapposizione, prende forma un nuovo piano per bloccare i flussi migratori verso l'Europa. [...]
La dinamiche libiche sono tali che, anche quando si parla apertamente di intervento internazionale, non è detto che questo avvenga. Il bilanciamento delle alleanze potrebbe portare[...]
L’Italia e gli “alleati” occidentali nella nuova conquista della Libia pensano sempre più a frantumare il Paese nordafricano in tre Stati federati per meglio sfru[...]
In una logica di stabilizzazione del Paese e di riavvio dell'economia, il GNA sembra essere percepito, sia da forze interne sia dagli attori internazionali, come l'unica alternativ[...]
L’esecutivo di al-Sarraj si è insediato a Tripoli, ma le resistenze interne sono numerose e distruttive. All’Occidente bastano le apparenze: la macchina della guerra è di nuovo in [...]