logo


Sul banco degli imputati soprattutto il governo siriano per la sua campagna di “resa o fame” nella aree sotto assedio evacuate negli accordi di “riconciliazione” tra il 2016 e il 2[...]
Il controllo della regione orientale del Paese è così importante da spingere le forze a maggioranza curde (Fds) sostenute dagli Usa a sospendere l’attacco su Raqqa e a ostacolare l[...]
Unico attore in grado di lavorare per un miracolo diplomatico, il coinvolgimento regionale di Mosca è degno di nota e prova che la riconciliazione palestinese è in cima ai suoi pro[...]
Si rafforza l'alleanza dietro le quinte tra Israele e Arabia saudita. Nei giorni scorsi un principe saudita, forse l'erede al trono Mohammed bin Salman, avrebbe segretamente visita[...]
Alla nuova lista nera si aggiungono altri 18 nomi. Erdogan fallisce nella mediazione mentre l’egiziano al-Sisi ribadisce il suo “no” alla riappacificazione con i qatarioti. La Russ[...]
Quali sono gli obiettivi delle potenze regionali e globali e perché i loro interessi non contemplano un cessate il fuoco. Escalation militare ad Aleppo: il governo lancia una nuova[...]
Dopo il bombardamento statunitense dei soldati governativi, sia Assad che le opposizioni danno per morto il cessate il fuoco. Nemmeno un pacco di aiuti consegnato. Washington si ar[...]
Primo passo verso il coordinamento delle operazioni militari dei due paesi contro lo Stato islamico. Stabilita la fine dell’accerchiamento della zona Est di Aleppo da parte dell’es[...]
Il cessate il fuoco inizierà lunedì prossimo. Il Segretario Usa Kerry ha detto che la “base dell’accordo” è nel divieto imposto al presidente siriano al-Asad di bombardare i civili[...]
L'avanzata dello Stato Islamico in Libia mobilita la comunità internazionale e induce l'Italia a cercare protagonismo mediterraneo ripartendo proprio dalla crisi libica. Gli ostaco[...]