logo


L'allarme dato dalle ambasciate americana, britannica e francese per l'"instabilità" in aumento nel paese. Paura anche per un'ex cellula di al Qaeda che vuole affiliarsi all'Isis[...]
Sempre tesa la situazione del più povero Paese del Medio Oriente, teatro di uno scontro tra fazioni sciite e sunnite, dietro cui si cela la lotta per l'egemonia regionale di Riad e[...]
Fallita la trattativa con i partiti politici di maggioranza, il gruppo ribelle sciita ha annunciato ieri la dissoluzione del Parlamento[...]
Una marcia anti-Houti a Sana'a è stata dispersa con la forza dai miliziani sciiti. Al Qaeda ha ucciso sei esponenti Houthi e due militari. Il vuoto politico rende sempre più fragil[...]
Interrotto il dialogo tra Houthi e i partiti di maggioranza in Parlamento e rinviata la seduta sulle dimissioni del presidente Hadi.[...]
La “guerra fredda” tra Iran e Arabia Saudita trova un altro campo di battaglia in Yemen. Un Paese tanto povero quanto strategico dal punto di vista geografico, su cui sono concentr[...]
Il presidente, Rabbo Mansur Hadi, e il primo ministro, Khaled Bahah, si sono dimessi. Si chiude lo spiraglio che si era aperto con l’accordo tra il capo dello Stato e i ribel[...]
Ieri sera Hadi ha detto di aver accettato molte delle richieste sciite, in cambio del ritiro dei miliziani da Sana’a. Gli Houthi confermano ma per ora restano.[...]
I miliziani sciiti, a bordo di veicoli militari, sostituiscono le guardie del presidente Hadi. Le Nazioni Unite chiedono il ripristino dell’ordine.[...]
In corso i colloqui tra Houthi e il presidente Hadi, mentre il palazzo presidenziale è ancora circondato, la tv di Stato occupata da ieri e i ribelli istituiscono posti di blocco.[...]