logo


Le città siriane vicine al confine target dello Stato Islamico. Bombardata Mosul, ma sia Maliki che Obama negano un coinvolgimento. Al-Sisi: “Indipendenza del Kurdistan? Una catast[...]
Il controllo del greggio tra Iraq e Siria è il mezzo e il fine dell’avanzata islamista. Dietro, gli interessi politici e commerciali dell’Arabia Saudita. Il premier Maliki rifiuta [...]
Riyadh approfitta del caos iracheno per occuparne gli spazi commerciali e invia 30mila truppe al confine. Baghdad blocca i social network per impedire la comunicazione ai jihadisti[...]
La guerra si fa regionale: i jihadisti rivendicano l'attentato di Beirut e sfidano Hezbollah; l'Iran manda i pasradan e Washington risponde con i primi droni armati sulla capitale.[...]
La crisi irachena terreno di confronto dei due schieramenti mediorientali. Obama promette altri soldi alle opposizioni siriane, l’Iran manda le Guardie Rivoluzionarie in Iraq.[...]
Battaglia nella raffineria di Baiji. Il Kurdistan vende il primo cargo di greggio a Israele. Obama e il leader religioso sciita “invitano” il premier a farsi da parte.[...]
L’Ayatollah non ha mai visto di buon occhio gli sciiti diretti in Siria, ma oggi comprende gli interessi strategici dei Paesi sunniti nel caos iracheno: fuorviante ridurre l’offens[...]
L’esercito avrebbe respinto l’attacco, ma l’Isil avanza. Usa: “Nessun accordo militare con Teheran”. Si muove la Turchia, preoccupata per i propri interessi interni, business e sic[...]
Il leader della Coalizione Nazionale Siriana alla Casa Bianca chiede anche armi antiaeree, ma Kerry declina. Ucciso ad Aleppo leader saudita di Al Nusra.[...]
Il voto segnato da nuovi attacchi suicidi. Le elezioni mettono in luce la realtà di un Paese che possiede enormi riserve di petrolio in grado di assicurare un futuro di benessere a[...]