logo


L'esplosione causata da una imbarcazione-bomba ha fatto pochi danni e nessun ferito ma conferma che Riyadh non riesce ad avere ragione del movimento sciita suo avversario in Yemen[...]
Crisi economica aggravata dal Covid-19, stipendi non pagati, corruzione e nepotismo: la regione esplode, trainata dai dipendenti pubblici a cui si sono uniti altri settori della so[...]
Il paese già ridotto allo stremo dalla crisi economica e politica si ritrova isolato. Da Ankara che ha preparato militarmente l'Azerbaigian, insieme a Israele, a Mosca che ha prefe[...]
I Saharawi attendono ancora, dopo un trent'anni, il referendum sull’indipendenza del Sahara Occidentale. Negli ultimi mesi hanno ripreso la sollevazione contro l’occupazione milit[...]
Il vincitore delle recenti elezioni Ersin Tatar è un uomo del leader turco, il che impensierisce le correnti turco-cipriote che lavorano alla distensione e al compromesso con i gre[...]
Una legge ridurrà drasticamente il numero dei lavoratori stranieri. Fissate le quote in base a nazionalità. Intanto, Amnesty denuncia: “Nonostante le leggi, in Qatar i lavoratori d[...]
Rinvenuti altri 8 resti umani in 3 nuove fosse. Ma il massacro compiuto dalle forze cirenaiche di Haftar potrebbe avere una portata maggiore. Intanto, per la liberazione dei maritt[...]
La nostra rubrica sull’Africa affronta la questione dei flussi finanziari illeciti, uno dei motivi che contribuiscono a frenare lo sviluppo del continente secondo uno studio [...]
Il Dipartimento del Tesoro americano ha annunciato ieri di aver inserito nella sua lista nera 18 grandi banche iraniane perché “ha identificato nel settore finanziario un’ulteriore[...]
Da leader del mondo arabo a gregario: oggi Il Cairo sopravvive grazie ai finanziamenti delle petromonarchie e ha perso la sua centralità nelle scelte politiche regionali[...]