logo


Con i suoi attacchi Washington punta sul cambio di regime. Ma se in passato gli iraniani chiedevano maggiori diritti, oggi protestano per la corruzione, il ritardo dei salari, la s[...]
Da una settimana le città sciite attraversate dalle manifestazioni contro il governo: «Assumeteci o chiudiamo i giacimenti di petrolio». Il governo sospende internet e manda l'eser[...]
Nel novembre di sette anni fa manifestazioni di piazza chiedevano riforme e le dimissioni del primo ministro: un gruppo di manifestanti entrò nel parlamento[...]
Ventotto lettere dell'alfabeto arabo, quattro di quelle persiane e sessantuno parole: è "Alfabeto arabo-persiano", l'ultimo libro di Wasim Dahmash e Giuseppe Cassini[...]
Dal secondo dopoguerra a oggi le relazioni tra Teheran e Belgrado sono state caratterizzate da decisi e repentini cambi di rotta legati soprattutto alle dinamiche interne e al ruol[...]
Il comando centrale iracheno ha dato ieri l’avvio ad una grande operazione militare per sradicare ciò che resta del “califfato”. In Siria, intanto, i “ribelli” annunciano il fallim[...]
Nuovo rapporto dell'Unicef: oltre 5.500 i minori uccisi o feriti dal marzo 2015. Nuove stragi saudite mentre ad Hodeidah gli Houthi accettano l'ingresso dell'Onu. Ma Riyadh e Abu D[...]
Secondo gli inquirenti, il colosso francese sarebbe stato “complice di crimini contro l’umanità” e avrebbe “finanziato il terrorismo” pur di mantenere operativa la sua azienda in S[...]
Secondo l’agenzia statunitense Ap, i prigionieri, in cella senza accuse, sono stati sodomizzati, violentati, torturati da militari degli Emirati in almeno cinque carceri yeme[...]
La stampa del Golfo ha rivelato ieri che il “Canale Salwa” dovrà essere completato entro un anno dalla scadenza del bando prevista per il prossimo 25 giugno. Il costo dell’opera si[...]